suina

Peste suina, Regione commissariata. Arru: “No a imposizioni”

Il ministero della Salute interverrà con un commissariamento nazionale per eradicare la peste suina in Sardegna. “E’ questa la vera emergenza dell’Isola e faremo come ci è stato richiesto dall’Unione Europea”, ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a Cagliari per il convegno “il malato più difficile? La sanità sarda”, organizzato dal partito dei Riformatori. “La peste suina mette a repentaglio tutto l’export di carni suine e derivati italiani – ha aggiunto il ministro – noi dobbiamo intervenire con un piano di eradicazione serio e mediato con le popolazioni, perché ormai la situazione non è più sostenibile in queste condizioni”, ha concluso.

“Abbiamo appreso con grande sorpresa delle dichiarazioni del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, su un’ipotesi di commissariamento della Regione Sardegna per la peste suina africana”. Lo ha detto l’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, che ha spiegato come la Regione Sardegna ha “tempestivamente avviato, dopo un lungo periodo di stallo, con una delibera di Giunta del 2 luglio, una nuova governance politica e operativa per il contrasto e l’eradicazione di questa malattia”.

Non abbiamo bisogno di alcun commissariamento esterno – ha aggiunto l’esponente della Giunta Pigliaru – e siamo certi di aver intrapreso un percorso che ci porterà finalmente a sconfiggere una malattia che da decenni colpisce gli allevamenti suini della Sardegna e provoca gravissimi danni economici all’intera regione. Ci aspettiamo perciò un comportamento leale da parte del ministero per affrontare efficacemente e definitivamente questa emergenza sanitaria, senza fughe in avanti o peggio, voglia di protagonismo, che possono portare solo a incomprensioni e mancate soluzioni”.

“Il problema della peste suina africana va gestito in Sardegna e non commissariato da Roma”. Lo ha detto l’assessore dell’Agricoltura, Elisabetta Falchi, rispondendo alle dichiarazioni rilasciate oggi alla stampa dal ministro della Salute. “Da anni la nostra regione non riesce ad affrontare le epidemie che colpiscono gli allevamenti ovicaprini e suini isolani – ha aggiunto Falchi – e proprio in queste settimane, con le inchieste romane sulla Lingua blu, abbiamo avuto conferma di cosa non si deve continuare a fare: lasciare in mano la gestione delle emergenze sanitarie a chi non ha lavorato bene e che è stato condizionato da logiche estranee al bene della nostra terra. Abbiamo già chiesto un passo indietro al dottor Marabelli, coinvolto nelle indagini, abbiamo annunciato che ci costituiremo parte civile in un eventuale processo e stiamo valutando altre iniziative. La Sardegna non va commissariata, siamo la parte lesa. Ecco perché, se di incapacità si deve parlare, nel contrasto delle infezioni, non va certo cercata solo in Sardegna. Troppi allevatori hanno pagato e stanno pagando per la mala gestione delle epidemie”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share