Oristano a Mibact e Regione: “Sono i giganti di Mont’e Prama, non gli eroi”

Il Consiglio comunale di Oristano litiga su tutto, ma sulla questione del nome col quale devono essere indicate le statue dei guerrieri, arcieri e pugilatori rinvenute nel sito archeologico di Mont’e Prama ha deciso all’unanimità di bocciare la denominazione di “eroi” scelta dal Mibact e dalla Regione Sardegna per le campagne di comunicazione istituzionale. Per l’Aula la promozione va fatta su “i giganti“, come a suo tempo li aveva denominati l’archeologo e accademico dei Lincei Giovanni Lilliu.

Il Consiglio, col sindaco Andrea Lutzu in testa, ha infatti votato all’unanimità l’ordine del giorno proposto dal
consigliere di opposizione, Andrea Riccio, che impegna la Giunta ad agire sul Ministero e sulla Regione affinché “il nome utilizzato in qualsiasi mezzo promozionale relativo a Mont’e Prama sia l’originale di Giganti e non quello di Eroi”. Secondo Riccio, che è anche un esperto di marketing, quello di Giganti è ormai un brand consolidato che rappresenta identità e valore. Cambiarlo, dice, produrrebbe soltanto danni.

Dei giganti si sono perse praticamente tutte le tracce. Sul nuovo sito internet monteprama.it sono comparsi gli eroi, un nome più vicino al pensiero della comunità scientifica ma molto lontano dall’immaginario collettivo e da quello dei pionieri del marketing culturale che iniziavano a muovere i primi passi all’ombra delle statue di arenaria scoperte nel Sinis. Il cambio della denominazione ufficiale ha già scatenato una valanga di polemiche sui social network, nonostante le spiegazioni scientifiche illustrate sul sito nella pagina denominata “Perché Eroi”, ma soprattutto nella pagina “Eroi o Giganti?”, in cui si legge: “Mont’e Prama è senza dubbio una necropoli monumentale e le statue a essa connesse riproducono in forma enfatica gli stessi soggetti cui la necropoli è dedicata o i loro antenati reali o mitici, interpretati come eroi. Le sculture di Mont’e Prama, pertanto, sono opera di una società radicalmente mutata rispetto a quella dell’età del bronzo, rispetto a quelli genti che la cultura popolare sarda chiama erroneamente giganti”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share