Migranti, Spanu: “Il Cpr di Macomer sarà un deterrente per gli sbarchi”

“Il Centro di Permanenza per i Rimpatri, di prossima apertura proprio a Macomer, è un fattore di dissuasione per contrastare gli sbarchi diretti dall’Algeria e favorire il rimpatrio in tempi brevi, una situazione molto diversa rispetto a quella dei migranti che chiedono la protezione internazionale a cui vogliamo offrire occasioni di inserimento e inclusione soprattutto attraverso il potenziamento della rete degli Sprar”. Ne è convinto l’assessore degli Affari Generali Filippo Spanu che ha dialogato con gli studenti dell’istituto “Galilei” di Macomer e con i giovani degli Istituti “Satta” e “Amaldi”. “I giovani che arrivano nelle nostre coste dal paese nordafricano, spesso non hanno consapevolezza di quello che stanno facendo – ha aggiunto – Il Cpr è uno strumento di deterrenza e una risposta a un’azione che secondo le nostre leggi è illegale”. Durante l’incontro sono state ascoltate le testimonianze di alcuni migranti, arrivati dalle coste del Nord Africa, nell’ambito del convegno “Le scuole superiori sono il luogo ideale per discutere dei temi legati all’inclusione e all’integrazione dei migranti”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share