L’ultimatum dei sindaci a Solinas e Ats: “Ospedale di Nuoro è senza 130 medici”

Gli amministratori locali del Nuorese chiedono un incontro con il presidente della Regione, Christian Solinas, e con l’assessore alla Sanità, Mario Nieddu, per i “gravi disagi provocati dalla carenza di personale al San Francesco di Nuoro”, una carenza “che sta paralizzando molte attività”: mancano 22 dirigenti dell’Unità operativa su 30 complessivi e 130 medici dei vari reparti. “Se non ci saranno argomentazioni valide per la ripresa della attività ospedaliere” i sindaci minacciano di “alzare l’asticella della protesta con manifestazioni in piazza”.

Oggi i delegati degli amministratori locali hanno incontrato nella sala conferenze dell’ospedale la dirigente della Assl di Nuoro, Grazia Cattina, e la direttrice del San Francesco, Antonella Tatti. “L’ospedale di Nuoro è gravemente sottodimensionato e i disagi sono sotto gli occhi di tutti – ha detto all’Ansa alla fine dell’incontro la presidente della Conferenza socio sanitaria di Nuoro nonché sindaca di Birori, Silvia Cadeddu -. Oggi abbiamo chiesto alla dirigente della Assl un report dettagliato di tutto il personale mancante nei vari reparti per poter portare il documento all’attenzione della Regione Sardegna che ci deve dare risposte. La sanità è un diritto di tutti e su questo non possiamo transigere, se è il caso ci muoveremo con manifestazioni in piazza. Per noi questo sarà un ultimatum non possiamo sempre abbaiare alla luna – rimarca Cadeddu -: sono mesi che incontriamo l’assessore e i vertici di Ats senza mai risolvere i problemi. Ora basta: con il concorso che è stato bandito dalla Regione portino i medici nei reparti di Nuoro in sofferenza e poi si pensi a bandire nuovi concorsi”.

Così il presidente del distretto socio sanitario di Nuoro e sindaco di Orani, Antonio Fadda. “L’emergenza è esplosa pochi giorni fa quando alcuni medici sono andati in malattia nel reparto di Chirurgia, cosa che stava portando alla sospensione di alcune attività -. Abbiamo bisogno di medici e ne abbiamo bisogno a brevissimo prima che la situazione degeneri in molti altri reparti. Aspettiamo il report della dirigenza della Assl che si è detta disponibile a collaborare, da lì partiremo all’attacco per rivendicare un diritto che ci spetta costi quel che costi. Siamo i portavoce di un territorio penalizzato su tutto – conclude Fadda – ma sul diritto alla salute non si
scherza”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
58
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
58
Share