Liste d’attesa fuori controllo, mossa disperata di Nieddu: “Stop a visite intramoenia”

La sanità sarda è sempre più allo sbando e l’ultima mossa dell’assessore Mario Nieddu certifica il fallimento della Giunta di Christian Solinas sulla gestione dell’assistenza medica e ospedaliera: oggi Nieddu ha ufficializzato lo “stop temporaneo” alle prestazioni intramoenia, cioè le visite private in ospedale, per provare a ridurre le liste d’attesa.

E pensare che a fine gennaio, in pompa magna, Solinas e Nieddu avevano annunciato il Piano straordinario sulla liste d’attesa con un investimento di 13 milioni di euro, di cui due per le strutture private. Oggi siamo punto e a capo, anzi forse addirittura la situazione è peggiorata, a giudicare dalla decisione presa dall’assessore.

Dalla Regione parlano di “strumento eccezionale” pensato per “contenere i tempi d’attesa delle visite e assicurare al cittadino le prestazioni all’interno dei tempi massimi regionali previsti per l’attività ordinaria”. Così Nieddu: “Abbiamo richiesto alle Aziende i flussi legati alle prestazioni intramurarie e siamo in attesa di ricevere i dati definitivi. Fermo restando che il provvedimento non si applica alle visite già prenotate, abbiamo però riscontrato, su alcune prestazioni, il superamento dei limiti regionali con attese di oltre un anno o addirittura senza certezza sui tempi di erogazione”.

Nieddu non nasconde più l’emergenza. “Ecco perché ho deciso, e ho già richiesto per iscritto a ogni azienda, di provvedere a sospendere, fino al ripristino di una tempistica conforme, l‘intramoenia per tutte quelle prestazioni che stanno sforando i tempi di attesa. Nel processo saranno quindi coinvolti i Cup aziendali (Centri unici di prenotazione) che, su determinate prestazioni ‘fuori tempo’, non potranno dirottare il paziente verso l’intramoenia”.

Nessun accenno al Piano di gennaio da 13 milioni. “È chiaro – evidenzia ancora l’assessore – che provvederemo a monitorare l’andamento degli interventi previsti da questo provvedimento, garantendo nel caso le necessarie indicazioni per ridurre le criticità e rispondere in modo sempre più puntuale ai bisogni dei cittadini e ridurre le disuguaglianze territoriali”. E ancora: “Una volta ripristinati i corretti volumi delle due prestazioni (istituzionale e intramoenia), la sospensione sarà immediatamente revocata”.

Sul Piano per le liste d’attesa, Solinas aveva detto: “L’obiettivo è quello di potenziare l’offerta specialistica, le attività ambulatoriali e le prestazioni di ricovero per i cittadini sardi che a causa della pandemia, non hanno usufruito, o lo hanno fatto solo in parte, dei servizi sanitari”. La delibera prevedeva che entro sessanta giorni le Asl comunicassero alla Regione – le criticità”. Oggi il disastro confermato dallo stesso Nieddu con la misura eccezionale dello stop all’intramoenia.

I 13 milioni sono stati così divisi: 1.736.528 euro alla Asl 1 di Sassari; 905.428 euro all’Asl 2 Gallura; 1.044.470 euro all’Asl 3 Nuoro; 368.686 euro all’Asl 4 Ogliastra; 924.494 euro all’Asl 5 Oristano; 526.656 euro Asl 6 Medio Campidano; 762.981 euro Asl 7 Sulcis; 2.887.830 euro Asl 8 Cagliari; 901.966 euro all’Aou Sassari, 486.595 euro all’Aou di Cagliari; 1.049.162 euro al Brotzu. Infine: due milioni sono stati destinati alle cliniche private attraverso l’Ares, la Asl unica del centrodestra, che ha ricevuto il compito di gestire il 60 per cento delle risorse nell’acquisto di prestazioni ambulatoriali e il 40 per cento in assistenza ospedaliera.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
180
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
180
Share