Il caso di ‘Teulada blindata’ in Senato. Interrogazione di Cotti (M5S): “Assurdo”

A Teulada, in provincia di Cagliari si sta svolgendo una manifestazione organizzata dai comitati e dalla società civile, per protestare contro l’esercitazione Nato “Trident Juncture 2015” e per dire “no” alle servitù militari, alla guerra e ai poligoni. Il questore prima non ha autorizzato il corteo, con motivazioni pretestuose, poi agenti delle forze dell’ordine hanno bloccato i pullman e allontanato i manifestanti. Nonostante tutto, oltre 700 persone si sono radunate vicino la base di Teulada per protestare pacificamente. Il movimento 5 stelle sta presentando una interrogazione urgente al Senato, a firma Roberto Cotti“. A renderlo noto sono i parlamentari del M5s nelle commissioni Difesa di Camera e Senato.

“Gli oneri delle esercitazioni militari che gravano sulla Sardegna non sono più sostenibili. Si parla di costi in termini sanitari, economici, ambientali che ricadono sulla popolazione, in un territorio che da oltre 50 anni è gravato dal 62% del totale delle servitù militari italiane“, aggiungono. “L’Italia secondo il trattato della Nato non avrebbe l’obbligo né di partecipare a queste esercitazioni né di concedere l’uso dei propri poligoni – proseguono i pentastellati – il M5S è per un nuovo modello di Difesa che sia, appunto, difesa del nostro Paese e di non ingerenza nelle controversie internazionali che non hanno ripercussioni sull’Italia. Invece – prosegue la nota – a Teulada si stanno svolgendo esercitazioni di tipo offensivo che non servono per difendere il nostro territorio ma per attaccare – insistono i parlamentari – e per questo ricordiamo quanto scritto nell’articolo 11 della Costituzione. Chiediamo che venga riaperta una riflessione sul nostro modello di Difesa”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share