Edilizia scolastica: primi 30 milioni, ma “niente finanziamenti a pioggia”

Il Piano straordinario per l’edilizia scolastica parte con 30 milioni. Da lunedì comincia la ricognizione delle strutture esistenti e la definizione delle priorità di intervento.

Trenta milioni subito per ristrutturare aule e palestre. È la partenza del Piano straordinario per l‘edilizia scolastica, approvato oggi dalla giunta di Francesco Pigliaru. “L’obiettivo – spiega il governatore – è arrivare a uno stanziamento di 100 milioni all’anno per tre anni”. Con due indicazioni perentorie: “Non ci saranno finanziamenti a pioggia e nei territori con alta dispersione scolastica chiederemo ai Comuni di individuare un polo di riferimento dove concentrare e investire le risorse”.

Il Piano straordinario è uno dei tre interventi chiave a cui l’esecutivo ha dato il via libera. Gli altri due sono all’annullamento della delibera del 14 febbraio sul Pps e la proroga di tre mesi ai contributi per le disabilità gravi. È stata Claudia Firino, neotitolare della Pubblica istruzione, a illustrare il Piano straordinario. “Un Piano vero, operativo, partito oggi con l’individuazione di una cabina di regia”. Tecnicamente si chiama “unità di missione che unisce le competenze e le risorse di quattro assessorati”. E oltre a quello guidato dalla rappresentante di Sel, lavoreranno al progetto la Programmazione, i Lavori pubblici e l‘Urbanistica, insieme alla Presidenza della Giunta.

I tempi sono stretti: “Non appena l’unità di missione verrà istituita (le nomine sono previste lunedì), il compito sarà quello di arrivare in trenta giorni alla ricognizione delle strutture esistenti, per individuare anche le priorità di intervento, secondo criteri da seguire pedissequamente”. Con i 30 milioni stanziati, “soldi del Fondo per la competitività e lo sviluppo”, sottolinea Pigliaru, “avvieremo i lavori di riqualificazione”, continua la Firino. Ancora il governatore: “Come abbiamo detto in campagna elettorale, il Piano straordinario per l’edilizia scolastica rientra tra gli obiettivi dei primi cento giorni di governo”.

Quanto ai nuovi edifici, l’assessore chiarisce: “Andranno valutati in base al Piano di dimensionamento scolastico, perché non dobbiamo realizzare cattedrali nel deserto, ma migliore l’offerta formativa che passa anche dall’edilizia scolastica. Un percorso che avrà come bussole l’efficienza energetica e la qualità architettonica”. La Firino annuncia infine l’istituzione dell’Ucra (Centro unico di responsabilità amministrativa). “Ovvero – spiega – una gestione unica per le risorse che arrivano da più assessorati, in modo da velocizzare il reperimento dei fondi”.

Sulla Sanità e le politiche sociali, è toccato ad Arru spiegare i dettagli della delibera approvata oggi. “Abbiamo prorogato di tre mesi i 36mila progetti di assistenza per le disabilità gravi. Si tratta di contributi che scadono il 31 marzo. I malati e le famiglie che ne usufriscono stiamo tranquilli, la Regione c’è. Entro il 30 giugno stabiliremo i nuovi criteri di assegnazione”. Insomma, la giunta Pigliaru sta cominciando a mettere mano su tutto. E la Sanità, come noto, vale il 53 per cento del bilancio regionale.

L’esecutivo, attraverso l’assessore all’Agricoltura Elisabetta Falchi, ha concesso ai Consorzi di bonifica i primi 4,5 milioni per le ristrutturazioni, soldi che fanno parte di uno stanziamento totale di 27 milioni. “Anche su questo fronte – chiude Pigliaru – prima di assegnare un solo centesimo abbiamo bisogno di verificare le carte. Per questo ci siamo limitati a un anticipo”.

Alessandra Carta

(@alessacart on Twitter)

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share