Bonifiche aree militari, Cotti (M5S): “Regalo inaccettabile al Ministero”

Il senatore del Movimento 5 stelle Roberto Cotti, è impegnato a contrastare in Commissione Difesa il decreto sulla bonifica delle aree militari. La Commissione ha espresso infatti parere positivo sul Decreto 91/2014, col solo voto contrario di Cotti. Così il senatore dissente in una nota: “La bonifica delle aree militari, con la previsione governativa di limiti più tolleranti di concentrazione di sostanze inquinanti, sarebbe frutto di un’allucinazione collettiva dei media, delle associazioni ambientaliste e finanche dell’Anci. Si potrebbero riassumere così le prime risultanze sul decreto legge 91/2014 che arrivano dai lavori del Senato, prima della definitiva conversione in legge del provvedimento”.

In sintesi, secondo Cotti, “dopo l’attacco alla salubrità del nostro territorio arriva il tentativo di nascondere la polvere inquinata sotto il tappeto”. Nel corso della seduta il parlamentare ha sollevato contrarietà sulla formulazione di un articolo (13, comma 5, lett. B) che di fatto “comporterebbe l’applicazione ex novo, nelle aree militari, di limiti più permissivi nelle fasi di bonifica degli inquinanti”.

Con la nuova formulazione alcuni metalli pesanti “potranno avere un concentrazione nel suolo fino a 350 volte superiore, mentre potranno essere centuplicati i valori dei cianuri, così come il benzopirene o la sommatoria dei composti policiclici aromatici”).

“Hanno avuto il coraggio di chiamarlo ‘Ambiente Protetto’ ma in verità dovrebbero chiamarlo ‘Salva Quirra'” conclude Cotti, secondo il quale “si tratta dell’ennesimo attacco al territorio della Sardegna, un vero e proprio vergognoso colpo di mano per le bonifiche, un inaccettabile colpo di spugna sullo stato di contaminazione delle aree militari, che in aula cercheremo di contrastare con tutte le nostre forze”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share