Una casa costruita con 22mila mattoncini Lego. La nuova opera a Sestu

Tre mesi di lavoro e circa 22 mila mattoncini Lego di circa 90 tipologie differenti. È quanto servito da Maurizio Lampis responsabile del Museo del Mattoncino “Karalisbrick” di Sestu per realizzare il progetto di “Casa Ofelia”, commissionato dal Comune e presentato in una delle scuole della cittadina.

L’antica casa patronale di Sestu, acquistata dall’amministrazione per salvarla dalla demolizione e poi completamente restaurata, è diventata un polo culturale per numerose manifestazioni organizzate dalla Pro Loco e dalle tante associazioni sestesi.

“Ora una copia di quell’edificio storico – come spiega Lampis – è stata consegnata al Comune. Il modellino in scala è lungo un metro e 25 centimetri per un metro e alto 24 centimetri”. La Casa Ofelia, che prende il nome da tzia Ofelia Marras, la proprietaria dell’edificio di via Parrocchia a Sestu trasformato in casa-cultura, si aggiunge alle repliche in scala della Basilica di Bonaria, Saccargia, Cala Goloritzè e tanto altro presente nel museo.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share