Teatro Lirico di Cagliari, debutto da applausi per il pianista Tom Borrow

Annunciato come un grande concerto non delude le aspettative. Il pianista israeliano Tom Borrow, star della tastiera e promessa del concertismo internazionale, è stato ieri sera grande protagonista di un coinvolgente piano recital al Teatro Lirico di Cagliari. Il suo debutto sul palco del teatro del capoluogo sardo è stato accolto tra i calorosi e sentiti applausi. È l’ ottavo appuntamento della Stagione concertistica. A proprio agio su un repertorio tanto affascinante quanto impegnativo il musicista di Tel Aviv, classe 2000, ha ammaliato gli spettatori con le sue raffinate qualità tecniche e interpretative. Di forte impatto il suo Chopin, con una personalissima rilettura, appassionata, ricca di idee e sfumature, dei celebri brani, la Terza ballata, la Fantasia op.49 e la Polacca op.62, amatissima composizione.

Un itinerario tra le atmosfere romantiche della prima metà dell’Ottocento a quelle mitteleuropee di inizio Novecento per arrivare a quelle russe, in pieno secondo conflitto mondiale. Il concerto si è aperto con “l’eloquente” 1.X.1905 di Janacek e dopo Chopin a chiudere la serata è stata la Sesta sonata di Prokofiev con una esecuzione caratterizzata da una intensità espressiva e brillanti virtuosismi. Troppe le poltroncine vuote in sala per una serata nel segno dell’ alta qualità, come quella di ieri, che avrebbe meritato un pubblico ben più nutrito. Intanto c’ è attesa per il prossimo appuntamento sinfonico corale che il 3 e 4 giugno, segna il ritorno sul podio di Donato Renzetti, così tanto apprezzato negli anni passati. Straordinario il programma che prevede l’esecuzione di Aleksandr Nevskij, cantata per mezzosoprano, coro e orchestra di Sergej Prokof’ev e poi “Quadri di un’ esposizione” di Modest Musorgskij nella trascrizione per orchestra di Ravel.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share