Storie di riscatto a La Collina: un podcast racconta le voci di chi ha vissuto nella comunità

“Se una volta ho sbagliato – Storie della Collina“: dodici interviste a persone che hanno vissuto, per scelta o per necessità, nella comunità fondata a Serdiana da Don Ettore Cannavera più di 25 anni fa. Il podcast, presentato alla Fondazione di Sardegna, è stato ideato e curato dalla giornalista e autrice Giulia Clarkson, con il supporto tecnico e le musiche di Ylenia Lampis e in collaborazione con Sergio Benoni di Radio X e Cagliari Social Radio. Coinvolti educatori e volontari. Ma soprattutto chi ha conosciuto la comunità magari come misura alternativa alla detenzione. E ha trovato a Serdiana un aiuto o la chance di una vita diversa. Le storie raccolte all’interno della Collina – è stato spiegato questa mattina nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa- “raccontano lo scontro con le esigenze di un mondo che non sempre si dimostra accogliente, il percorso verso la scoperta dell’altro non più solo nemico o rivale, nuovi approcci alla vita, al lavoro, alle relazione e l’incontro con il sé più profondo”.

Un podcast che pone interrogativi anche sul valore educativo dell’attuale sistema carcerario, ancora più drammatico quando rivolto ai minori: alto il tasso di recidiva (70 per cento) dei ragazzi che, una volta scontato, tornano a delinquere. “A fronte di una spesa molto inferiore- è stato spiegato- e con un tasso di recidiva quasi inesistente (non arriva al 4 per cento), l’esperienza della comunità la Collina dimostra la validità della sua concezione di recupero rispetto a quella affidata al carcere“. Le storie, ognuna della durata tra i 14 e 18 minuti, saranno pubblicate ogni martedì per 12 settimane sul sito della Comunità, sul sito radiox.it, su piattaforme quali Spotify e Apple podcast e Google podcast e trasmesse alle 9 e in replica alle 14 sui 96.8 in Fm e in live streaming da Radio X.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share