Saboris antigus fa tappa a Guasila tra degustazioni, storia e laboratori di artigianato

Saboris antigus, la manifestazione che mette insieme laboratori artigianali, antiche ricette e degustazioni, giovedì 8 dicembre sbarca a Guasila per il sesto appuntamento della nona edizione. Aperti e luoghi di culto e i siti archeologici.

Dunque Saboris antigus fa tappa nell’antica regione cerealicola della Sardegna, in quella Trexenta dove Guasila è considerata la piccola capitale del grano duro. Il Comune, con le sue colline dorate, conta 2.657 abitanti, “custodi di importanti tradizioni culturali, di riti legati alla devozione, di ricette antiche della cucina isolana” ma anche ” di siti archeologici di grande interesse”, si legge in una nota.

L’8 dicembre Guasila apre le porte del paese e i portoni delle case ai visitatori. Sarà “un’importante giornata di festa durante la quale verranno messe in mostra bellezze materiali e immateriali”. Tra religione, tradizione e folklore.

La comunità guasilese custodisce riti antichi a metà fra sacro e profano. La chiesa più importante è Santuario della Beata Vergine Assunta (nella foto di Ettore Cavalli inviata dall’Ufficio stampa dell’evento). Si tratta di monumento distintivo, uno dei più importanti dell’isola. Si erge sul punto più alto del paese e ha un enorme valore architettonico: venne progettato da Gaetano Cima nel 1839. Vicino alla chiesa si trova, ed è visitabile, il museo d’arte Scrinia Sacra nel quale sono conservati oggetti datati tra il XVI e il XX secolo. I soffitti delle sale, con le loro volte a botte, richiamano proprio uno scrigno: il luogo che custodisce i gioielli più preziosi della devozione guasilese. 

Tra le bellezze archeologiche, ecco la domus de janas Riu Sa Mela: si trova all’interno di un terreno privato. Sono presenti dei decori in forma di probabili protomi taurine. Il sito sarà visitabile l’8 dicembre e saranno organizzati anche dei laboratori. C’è poi il Nuraghe Barru, al confine con Guamaggiore. Il corpo centrale dell’imponente reggia presenta una torre principale e altre tre circolari intorno alle quali sono state rinvenute tracce di un villaggio di capanne. Tra i reperti, ossa di animali, frammenti di ceramica, una spada votiva e altri elementi in bronzo.

A seguire il programma dell’8 dicembre a Guasila con eventi che si ripetono in diverse parti del paese.

Ore 8/10. Messa al Santuario della Beata Vergine Assunta;

Ore 10. Apertura musei, percorso enogastronomico, esposizioni di artigiani, commercianti e hobbisti e dimostrazione degli antichi mestieri.

Ore 10.30 Partenza del percorso di turismo esperienziale con visita alla Domus de Janas Riu Sa Mela, laboratorio del formaggio e laboratorio fotografico – Infopoint piazza Municipio. Laboratorio di lettura per bambini a cura della biblioteca comunale, nel Cortile Museo Raimondo Scintu. Animazione itinerante per bambini con Let’s Rox.

Ore 11. Laboratorio di trasformazione della frutta a cura degli studenti dell’Istituto professionale Luigi Einaudi. Segue spettacolo musicale con Andrea Puddu (fisarmonica) e Luigi Cordeddu (organetto) di fronte al Municipio. Sul palco, con presentazione di Tonio Schirru, anche un altro concerto con Fabio Onnis (organetto), Enrico Deiana (voce), Lorenzo Mele (chitarra) e Riccardo Sirigu (launeddas). Questo evento è programmato alla stessa ora in piazza Pertini, dove ci sarà anche l’evento ‘Esperienze di vino – Cantine in piazza’, in collaborazione con gli studenti dell’Istituto Vignarelli.

Ore 11.30. Visita guidata nei siti del centro storico – Infopoint piazza Municipio.

Ore 12. Musica e parole con Teo e Bianchina, in piazza Trexenta

Ore 14.30. Partenza del percorso di turismo esperienziale con visita alla Domus de Janas Riu Sa Mela, laboratorio del formaggio e laboratorio fotografico. Infopoint piazza Municipio.

Spettacolo musicale con Andrea Puddu (fisarmonica) e Luigi Cordeddu (organetto), davanti al Municipio. Spettacolo musicale presentato da Tonio Schirru con Fabio Onnis (organetto), Enrico Deiana (voce), Lorenzo Mele (chitarra) e Riccardo Sirigu (launeddas), ancora in piazza Pertini.

Laboratorio di lettura per bambini a cura della biblioteca comunale – Cortile Museo Raimondo Scintu. Vestizione dell’abito tradizionale femminile a cura dell’Associazione Folclorica Su Zinnibiri San Pietro – teatro Fratelli Medas (piazza Municipio)

Ore 15. Concerto di Marta e il suo gruppo in piazza Trexenta.

Ore 15.30. Sa Cassa de S’Achixedda a cura della Proloco Guasila con voce narrante di Gianluca Medas, in piazza Municipio.

Ore 16. Laboratorio di preparazione di prodotti cosmetici a cura degli studenti dell’Istituto Einaudi. Visita guidata nei siti del centro storico. Infopoint in piazza Municipio

Ore 16.30. Esibizione itinerante del Coro Polifonico Maschile Cantos de Jara Gesturi, tra piazza Municipio e via Roma.

Ore 17. Degustazione prodotti tipici: piazza Municipio, dove si terrà il concerto live degli Istentales.

Ore 19. Intrattenimento con i fisarmonicisti Carlo Boeddu e Carlo Crisponi, sempre in piazza Municipio.


Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
3
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
3
Share