Nora, l’emporio del Mediterraneo: dalla tomba 62 emerge un balsamario

“Un’emozione visiva”. Così gli archeologi impegnati nella campagna di scavi a Nora hanno definito la scoperta di “un raffinato balsamario” dalla tomba 62. Il reperto è un babbuino che regge un vaso, un canopo egizio, che a sua volta ha una rana sulla sua sommità, dalla cui bocca si diffondeva il profumo“. Nora, costa sud-ovest della Sardegna, amministrativamente Comune di Pula, era uno dei più importanti empori del Mediterraneo, “crocevia tra Oriente, Europa e Africa settentrionale”.

La nuova scoperta è pubblicata sul sito Archeo Reporter e documenta “le connessioni tra popoli e merci nel Mediterraneo “, scrivono ancora gli archeologi. La tomba 62 è stata scavata a settembre. Il balsamario “è di sicura provenienza orientale, forse direttamente dall’Egitto, dall’area del delta del Nilo, oppure attraverso le rotte dall’isola di Rodi”. Di certo si tratta di “un reperto di grande prestigio”, datato alla fine del VII secolo avanti Cristo. A Nora, insieme agli archeologi stanno lavorando anche i dottorandi dell’Università di Padova. Il ritrovamento del balsamario non è l’unico fatto in questa nuova campagna di scavi.

GUARDA IL VIDEO

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
446
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
446
Share