Museo Nivola, concorso di idee per la pace e una mostra fino a febbraio. Coinvolte le scuole

Continuano gli appuntamenti e le iniziative del museo Nivola di Orani. Stavolta l’organizzazione vuole lanciare un messaggio di pace attraverso un concorso che premierà le idee grafiche migliori per la realizzazione di una spilla a forma circolare. Si ribadisce il no alla guerra e il sì al disarmo nucleare e alla non violenza. L’iniziativa dal titolo Pin-Back Buttons, prende vita a partire dal poster di Pedro Reyes dal titolo Protest and Survive, con il quale l’artista messicano riporta all’attenzione del pubblico l’attivismo anti-nucleare degli anni Settanta e Ottanta, temi riproposti dalla mostra “Pedro Reyes. Zero Armi Nucleari” curata da Giuliana Altea, Antonella Camarda e Luca Cheri, ospitata dal museo oranese dal 24 settembre fino al 22 febbraio 2023.

Sull’esempio della collezione di spille raccolte dall’artista messicano, i partecipanti al concorso dovranno proporre la loro personale idea grafica inviandola all’indirizzo info@museonivola.it. la scadenza è l’11 dicembre. Saranno poi i ragazzi della scuola secondaria di Orani a scegliere una grafica che sarà utilizzata per la produzione delle spillette per il bookshop del museo. Il moto dell’iniziativa è “Nessuno dovrebbe avere il potere di ucciderci tutti”.

“Vogliamo veicolare un messaggio di pace in tutte le forme possibili – ha dichiarato il direttore del museo, Luca Cheri -. Lo faremo permettendo ad artisti e non artisti di occuparsi del tema attraverso la grafica, coinvolgendo i ragazzi delle scuole di Orani che diventano attori principali e protagonisti della scelta estetica, nonché incentivando i portatori del messaggio, perché la spilletta è un oggetto che cammina addosso alle persone che sceglieranno di indossarla”. Poi tutti gli studenti di Orani sfileranno per le vie del paese indossando le t-shirt contro la guerra realizzate.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
8
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
8
Share