‘Amici fragili’, Federico Buffa porta a teatro l’incontro tra Riva e De André

Faber, il cantautore degli emarginati, dei ribelli e delle prostitute, il poeta di Genova e del suo mare. Dall’altra parte, il mitico numero 11 del Cagliari. O, come lo ribattezzò Gianni Brera, Rombo di tuono, il campione d’Europa nel 1968 e vice campione del mondo con gli Azzurri a Messico 1970.

Sono Fabrizio De André e Gigi Riva, insieme per la prima volta in teatro. Ovvero gli “Amici fragili”, come il titolo del nuovo spettacolo di Federico Buffa, il volto di punta di Sky che ha “osato” portare il calcio fino in teatro e farne un’epopea, pronto al debutto in prima nazionale dall’1 al 5 dicembre al Massimo di Cagliari (anteprima il 30 novembre al Verdi di Sassari), per poi partire in tournée fino ad aprile (con tappe anche a Torino, Bologna, Genova, Milano, Padova, Brescia).

Diretto da Marco Caronna, che torna sul palco insieme a Buffa anche in veste di musicista (chitarre, voci, percussioni) insieme ad Alessandro Nidi (pianoforte, tastiere), “Amici fragili” è il racconto di un incontro tra due anime solitarie e profondissime. È il 14 settembre del 1969 dopo una partita a Genova di un Cagliari che proprio quell’anno avrebbe vinto l’unico, storico scudetto. Gigi Riva va a trovare Fabrizio De André a casa. Sembra un incontro tra due mondi lontanissimi. E invece, nel silenzio che caratterizza la prima parte della serata, scorrono i pensieri di due randagi che, in campi e modi diversi, hanno sempre scelto di stare dalla parte degli altri randagi. E che hanno molti punti di contatto, a partire dall’amore per la Sardegna.

Total
19
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
19
Share