Nasce a Nuchis la prima biblioteca dedicata alla cultura enogastronomica

La prima biblioteca dedicata alla cultura enogastronomica sarda è a Nuchis. La frazione di Tempio Pausania ha inaugurato la novità nell’ambito del progetto ideato da Mirtò, il Festival internazionale del mirto, che vede la collaborazione del Comune. Si tratta di un nuovo passo, che si inserisce all’interno del programma “I borghi delle bacche di mirto”, per la valorizzazione della realtà gallurese e la creazione di eventi che fungano da attrattori verso luoghi di grande bellezza naturalistica e patrimonio dell’intera Sardegna.

La biblioteca riprende la grande tradizione della “Bruttea del libro”, dal nome gallurese che indica i piccoli negozi di prossimità, patrimonio di cultura e saperi, oltre che luoghi di incontro. L’inaugurazione si è svolta oggi alla presenza del sindaco, Gianni Addis e altri esponenti della giunta comunale della città e non solo. Grazie a questa iniziativa l’enogastronomia sarda sarà raccontata attraverso una serie di opere editoriali che ripercorrono la tradizione della Sardegna, a partire dalla Gallura, a iniziare proprio da Nuchis.

“Il progetto della Biblioteca dell’enogastronomia, dedicata ad un ambito di studio e documentazione di grande attualità – spiega il sindaco Gianni Addis -, nasce dalla volontà del Comune e dell’associazione Mirtò dì mantenere viva questa parte fondamentale della cultura sarda: il cibo e il vino nelle loro componenti antiche e moderne. La biblioteca di Nuchis vuole essere il punto di partenza di una nuova sensibilità verso questi temi anche attraverso la lettura”.

Il progetto vede in prima fila anche l’assessorato regionale alla Cultura, guidato da Andrea Biancareddu, con il quale Mirtò ha avviato già dall’anno scorso un progetto di sensibilizzazione contro la piaga degli incendi boschivi in Sardegna, portato nelle scuole della Gallura, attraverso la partecipazione di alcuni tra i più importanti musicisti dell’isola. La biblioteca sarà pienamente operativa dal 10 agosto, con i seguenti orari: tutti i giorni della settimana dalle 16 alle 19; il sabato e la domenica dalle 19 alle 21.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share