A Quartu torna la festa della patata. Coldiretti: “Seconda produzione orticola sarda”

Torna PataQuartu, la manifestazione dedicata alle patate di Quartu Sant’Elena, la città dalla lunga tradizione agricola, specializzata proprio nella produzione dei tuberi. Saranno cinque giorni di iniziative, a cominciare da oggi, mercoledì, diffuse in tutto il Comune grazie ad una ampia rete in cui saranno coinvolti ristoranti, agriturismi, il mercato di Campagna amica.

A promuovere l’iniziativa è Coldiretti Cagliari, e in particolare dalla sezione di Quartu, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e in collaborazione con Fipe Confcommercio Sud Sardegna, il Centro commerciale naturale di via Eligio Porcu, la Ferrini basket Quartu e l’associazione Flamingo skating club. La patata è, per superficie coltivata, la seconda produzione orticola in Sardegna (circa 2mila ettari) dopo i carciofi. La coltivazione è tradizionalmente diffusa su tutto il territorio regionale spesso in piccole superfici per autoconsumo. Tra gli areali di maggiore produzione c’è sicuramente il territorio di Quartu e a seguire anche Arborea, Valledoria e S. Maria Coghinas.

È un prodotto che si coltiva tutto l’anno e in particolare, soprattutto a Quartu e territorio a gennaio-febbraio per raccogliere a maggio – giugno e ad agosto per raccoglierla a dicembre. PataQuartu prende il via oggi con diversi ristoranti e agriturismo che hanno aderito all’iniziativa che proporranno fino a domenica piatti a base di patate. Il clou si terrà sarà venerdì, sabato e domenica. Venerdì alle 18, nell’ex convento dei cappuccini si terrà il convegno, “La filiera pataticola tra mercato e salutismo” a cui prenderanno parte dopo i saluti del sindaco e dell’assessora di Quartu, Graziano Milia e Rossana Perra, Piero Sarritzu (presidente Coldiretti Quartu), la biologa Federica Atzei, Barbara Pisanu di Agris, Lorenzo Bazzana (responsabile nazionale Coldiretti settore ortofrutta). Le conclusioni saranno affidate a Giorgio Demurtas, presidente provinciale Coldiretti Cagliari. 

Sabato nel mercato di Campagna amica di Pitz’e Serra ci sarà l’esposizione “Le patate non sono tutte uguali” in cui saranno presenti tutte le varietà. Domenica, dalle 19 alle 23, in via Eligio Porcu, mostra mercato con i gazebo di Campagna amica con vendita e degustazioni di piatti a base di patate ed attività ludico-didattiche con la collaborazione delle società sportive. “Riproponiamo una iniziative che vuole valorizzare un prodotto simbolo della città – afferma Piero Sarritzu –. L’obiettivo è quello di dare continuità alla manifestazione e farne un appuntamento fisso. PataQuartu si propone da anni ma non è stata mai organizzata con continuità”.  

“Il territorio quartese si caratterizza da tempo per la produzione della patata, un’eccellenza ormai conosciuta ben oltre i confini del mercato locale e che amplia la tradizionale offerta agricola delle nostre campagne – afferma l’assessora Perra  -. Siamo quindi lieti di ospitare in città la manifestazione ‘PataQuartu’ come vetrina prestigiosa di un prodotto che garantisce ancora ottimi margini di crescita e che può quindi fare da motore trainante per la nostra economia. Non per niente Quartu ha aderito con entusiasmo al progetto del Distretto rurale: intendiamo rilanciare il comparto agroalimentare attraverso la qualificata collaborazione di Coldiretti per aprire nuove strade ai giovani che intendano investire in agricoltura”.

“Quartu ha forti radici e tradizione rurale – afferma il presidente Giorgio Demurtas -. Come Coldiretti abbiamo avviato da tempo una stretta collaborazione con l’amministrazione comunale e con le associazioni del territorio per valorizzarla la cultura e la produzione agricola. Siamo infatti i promotori del distretto rurale che sta ormai concludendo il suo iter costitutivo e vogliamo portare avanti anche iniziative come questa che valorizzino, anche con momenti sociali e di festa le produzioni locali”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
18
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
18
Share