Ucciso per alcuni terreni di famiglia: gocce di sangue incastrano il nipote

È sospettato di aver ucciso lo zio per la gestione di alcuni terreni di famiglia. Ha un nome e un volto il presunto assassino di Esperino Giobbe, l’uomo di 73 anni che il 17 ottobre 2020 è stato trovato senza vita nel cortile della sua azienda in località Su Filighe a Orotelli. Il blitz eseguito questa mattina dai carabinieri di Nuoro e Ottana, su ordine della Procura, ha portato in carcere il nipote Gian Michele Giobbe di 40 anni. Risulta indagato anche un cugino del 40enne.

Dai rilievi tecnici eseguiti subito dopo il ritrovamento del cadavere e dal risultato dell’autopsia si era capito che la morte non era dovuta a cause naturali o accidentali ma, al contrario,  si trattava di un omicidio compiuto con un oggetto contundente utilizzato per colpire la vittima più volte. La dinamica è stata poi confermata anche dai tecnici del Ris di Roma, incaricati di eseguire l’esame dei luoghi.

L’attenzione degli inquirenti e degli investigatori si è quindi focalizzata sulla cerchia dei parenti. Nel corso di alcune perquisizioni sono state scoperte alcune tracce di sangue della vittima in uno stivaletto sequestrato al nipote Gian Michele. Si pensa che il movente dell’omicidio sia riconducibile ad alcuni dissidi nati per la gestione dei terreni di famiglia.  L’arrestato attualmente si trova in carcere a Badu ‘e Carros in attesa dell’interrogatorio di garanzia da parte del Giudice per le indagini preliminari.  An.De

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share