Truffa in residence a Teulada, agli inquilini il conto dei lavori: 11 indagati

Avrebbero fatto pagare le spese per la ristrutturazione dell’hotel agli inquilini del residence a fianco. E’ l’accusa a carico di undici persone – dieci di origine campana – denunciate dalla tenenza della Guardia di finanza di Sarroch per una truffa di circa 1,8 milioni di euro. I reati contestati agli indagati vanno dalla truffa all’emissione di fatture false sino all’estorsione. Il residence in questione è il “Rocce Rosse“, una struttura sorta alla fine degli anni ’60 di fronte al golfo di Teulada, in località Sa canna. La struttura – costituita per metà da appartamenti privati e per metà dal sito alberghiero – è stata oggetto dal 2008 di interventi per il rifacimento del tetto, posa in opera di infissi e ascensori, costruzione di una piscina e di una Spa, oltre alla realizzazione di un depuratore.

I lavori sono stati assegnati da un noto commercialista di Avellino, con il benestare dell’amministratore, di origini cagliaritane, dell’intera struttura, ad una società irpina a lui riconducibile, per poi essere appaltati ad altre società campane compiacenti. A quel punto, con la complicità dello studio incaricato della progettazione, sono stati ‘gonfiati’ i computi metrici della parte residenziale, così da far ricadere le spese sui condomini ignari. Per giustificare i costi a carico dei privati, le società hanno emesso fatture per operazioni inesistenti pari a cinque milioni di euro. Gli inquilini si sono anche visti recapitare decreti ingiuntivi, predisposti ad arte dalle ditte esecutrici dei lavori, con i quali veniva richiesto loro l’addebito di ulteriori spese in aggiunta a quelle già ingiustamente sostenute. L’indagine, coordinata dal sostituto procuratore di Cagliari Danilo Tronci, ha portato anche al sequestro di quote societarie per un importo complessivo di 700 mila euro.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share