Trivellazioni Saras ad Arborea, nuovo affondo del Comitato: “Dov’è finito lo studio di impatto ambientale?”

“Sono passati diciannove giorni dal 13 marzo, giorno in cui la Saras ha presentato lo studio di impatto ambientale, dando avvio ai sessanta giorni di tempo per presentare le osservazioni sul Progetto Eleonora al servizio Savi della Regione Sardegna. In diciannove giorni la documentazione completa dello studio di impatto ambientale non è ancora stata resa disponibile sul sito www.saardegnaambiente.it violando di fatto la Convenzione di Aarhus e impedendo il libero accesso alle informazioni sulle tematiche ambientali da parte dei cittadini. Questo atto compromette la possibilità per ogni cittadino di presentare le proprie osservazioni agli uffici regionali, limitando il diritto di partecipare ai processi decisionali sui temi ambientali e le condizioni per l’accesso alla giustizia”.

La denuncia arriva dal comitato civico ‘No progetto Eleonora’, che si oppone alle trivellazioni proposte dalla Saras per la ricerca di giacimenti di gas naturale nella piana di Arborea.

“Il comitato civico No al Progetto Eleonora fa propria la richiesta della associazioni Gruppo di Intervento  Giuridico e Amici della Terra – si legge in una nota – di richiedere l’improcedibilità della valutazione di impatto ambientale e di  azzerare i sessanta giorni di tempo per presentare le osservazioni, nelle prossime ore provvederemo ad  inoltrare un formale atto di osservazioni. È inoltre vergognoso che la Saras non abbia ancora reso pubblico il luogo e l’orario dell’incontro di  istruttoria prevista in data 13 aprile nel Comune di Arborea. Una totale mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini e delle istituzioni che attendono da oltre un anno e mezzo di confrontarsi pubblicamente con la società proponente del Progetto Eleonora, che sottolinea ancora una volta la supponenza e il disinteresse totale nei confronti dell’opinione pubblica da parte della multinazionale petrolifera milanese”.

“Chiediamo ufficialmente – scrivono ancora i rappresentanti del comitato – che data e orario dell’incontro vengano resi pubblici entro i prossimi giorni, per  garantire il diritto dei cittadini a partecipare all’istruttoria pubblica, venendo informati per tempo dell’organizzazione. Saras deve comunicare tempestivamente la propria decisione tenendo conto dell’imperdonabile ritardo fin qui accumulato. Non abbiamo paura della Saras, vogliamo difendere la nostra terra e il nostro futuro: sappiamo quali sono i nostri diritti e li faremo valere fino in fondo”.

 

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
0
Share