Sulcis, carabinieri infedeli: cinque nei guai, coinvolto un consigliere comunale

Metodi spicci e non in linea con la fedeltà all’Arma. Sono 21 i reati contestati a vario titolo a nove persone – ora indagate -, di cui cinque carabinieri, di stanza nel Sulcis a Calasetta, nell’isola di Sant’Antioco. Le indagini condotte dal pm Gilberto Ganassi sono chiuse: secondo l’accusa attorno all’attività dei militari ci sarebbe un giro di soprusi e violenze. La notizia si legge ne L’Unione Sarda oggi in edicola.

I fatti. Tra i reati contestati anche violenza privata, calunnia, omissione d’atti d’ufficio, arresto illegale. I carabinieri, questi i fatti ricostruiti, in più occasioni avrebbero anche istigato l’acquisto di droga da inserire poi nelle auto persona “da arrestare”. O ancora: fughe di notizie dalla banca dati interforze Sdi, e l’utilizzo di maniere forti per contrastare lo spaccio di droga.

I nomi. Il maresciallo Ivano Iacobelli, 32 anni e residente a Rieti, avrebbe agito in questo modo, grazie alla complicità di altri carabinieri e figure minori fino al  2012. Coinvolto anche un consigliere comunale del paese, Fabio Usai. Gli altri militari sono: Massimo Porta, 51 anni, di Calasetta; Carmelo Spavara, 43 anni, di Messina; Emanuele Carrus, 33 anni, di Carbonia; Alessandro Uccheddu, 42, originario di Alghero, ma residente del Sulcis.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share