Sindacopoli 2/ Arresti e perquisizioni. Ai domiciliari primo cittadino di Borore

È il sindaco di Borore (Nuoro), Salvatore Ghisu, rieletto alle recenti amministrative, uno dei due destinatari dei provvedimenti di custodia cautelare agli arresti domiciliari disposti dal Gip del Tribunale di Oristano su richiesta della Procura della Repubblica nell’ambito dell’operazione ‘Hazzard‘. Nell’indagine, assieme ad altre 12 persone tra amministratori comunali e liberi professionisti, è coinvolto anche un tecnico del Comune di Borore nei confronti del quale è stato disposto il divieto di dimora nel paese. L’indagine segue il filone dell’altra inchiesta della stessa Procura con oltre 60 indagati per scambi di favori nella gestione anche di piccoli appalti pubblici, ribattezzata col nome di Sindacopoli. Un giro di affari tra professionisti, sindaci, e dipendenti pubblici che falsavano – secondo l’accusa – i bandi secondo i dettami di quello che è ritenuto il capo della Cupola, l’ingegnere di Desulo, Tore Pinna.

Questo il bilancio dell’operazione, in corso da stamattina: due arresti ai domiciliari, tre divieti di dimora, 14 indagati tra cui il sindaco di Borore (Nuoro), Salvatore Ghisu, 24 perquisizioni in uffici pubblici e studi privati di liberi professionisti. Sono impegnati i Carabinieri di Oristano in collaborazione con i militari della Sezione di Polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Oristano e delle Compagnie di Cagliari, Quartu Sant’Elena, Ghilarza, Nuoro, Macomer, Bitti e Ottana.

Gli indagati, oltre al primo cittadino di Borore sono altri amministratori comunali e diversi liberi professionisti. L’operazione – i cui dettagli verranno illustrati in una conferenza stampa nel pomeriggio – è l’esito di un’indagine per reati contro la pubblica amministrazione condotta dalla Procura della Repubblica di Oristano.

Seguono aggiornamenti

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share