Sestu, caccia al killer chiusa al bar. Indagini-lampo: fermato un uomo

È avvenuto nelle campagne tra Sestu e San Sperate l’omicidio su cui da circa due ore sta lavorando la polizia. Adesso si conosce anche il nome della vittima: si chiamava Antonio Piras, aveva 35 anni. Dunque era un po’ più giovane rispetto al presunto killer, a differenza di quanto appreso inizialmente.

Il presunto killer fermato è A.S., personaggio noto alle forze dell’ordine. È stato bloccato in un bar di Sestu. Subito dopo il fatto di sangue, secondo una prima ricostruzione, agli agenti è arrivata la segnalazione su una persona che si aggirava con un fucile per le vie della cittadina del Cagliari. Il principale sospettato dell’omicidio è stato rintracciato poco dopo in un bar. Ma senza più l’arma. Stando ancora alle pochissime indiscrezioni filtrate, vittima e presunto omicida si frequentavano. L’uomo portato in Questura era ubriaco e potrebbe aver avuto una discussione con la persona assassinata.

Piras è stato trovato in una pozza di sangue, supino e col volto devastato da un colpo d’arma da fuoco. Probabilmente quello stesso fucile che il presunto assassino imbracciava mentre passeggiava nella cittadina a dieci chilometri di Cagliari. Stando a quanto filtra dalla Squadra mobile, ci sarebbe anche un testimone: una persona che, quantomeno, avrebbe sentito uno sparo. L’omicidio è avvenuto in aperta campagna, lontano dal centro abitato, in una località che si chiama ‘Terra e pillonisi’. Lì dove intorno alle 21,30 sono arrivati anche il magistrato di turno, Gaetano Porcu, e il medico legale Roberto Demontis.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
1
Share