Scrive tesi sul riuso di Buoncammino, premiata una studentessa cagliaritana

Un altro riconoscimento internazionale per la scuola di architettura dell’Università di Cagliari: il lavoro di tesi della neo-dottoressa Francesca Musanti, dal titolo “Nuda fabbrica. Proposta di riuso del carcere di Buoncammino“, è stato premiato da una giuria di esperiti internazionali durante il ventinovesimo Seminario di architettura e cultura urbana, tenutosi a Camerino nelle scorse settimane.

La proposta di riqualificazione, diretta dai docenti Giovanni Battista Cocco e Caterina Giannattasio, è stata, infatti, particolarmente apprezzata per la capacità di ridefinire lo spazio carcerario con nuove funzioni, dandogli una rinnovata identità.

Il lavoro della candidata si inserisce nell’ambito delle ricerche che i due docenti del Dicaar stanno coordinando da diversi anni sul tema degli spazi della segregazione, nei quali particolare rilievo assumono sia le architetture carcerarie storiche dismesse che quelle manicomiali.

Il gruppo di lavoro, costituito da architetti, ingegneri, sociologi, psicologi, economisti e geografi, ha avuto finanziamenti sia dalla Regione che dalla Fondazione di Sardegna.

Total
27
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
27
Share