Sciopero taxi, presidio davanti a Consiglio regionale e aeroporto

🧓🎮 Il Comune di Quartu sbarca su Telegram con un assistente virtuale: ecco Tziu Pissenti, rigorosamente vestito in abiti tradizionali, che dà supporto ai cittadini nei servizi e nel pagamento delle tasse 🧓🎮https://www.sardiniapost.it/politica/il-comune-di-quartu-sbarca-su-telegram-con-lassistente-virtuale-ecco-tziu-pissenti/

Disagi per i tanti turisti in arrivo questa mattina all’aeroporto di Cagliari-Elmas: i taxi sono schierati in due file davanti al settore arrivi ma non trasportano nessuno a causa della protesta cominciata questa mattina proprio davanti allo scalo del capoluogo.

“Registriamo un’adesione del 98% – spiega, Giovanni Frongia, uno dei portavoce della protesta -. Nessuno sta lavorando qui in aeroporto : d’altra parte se continua così 340 taxi in Sardegna e 620 autisti rischiano di stare a casa. La liberalizzazione fa male al servizio: chi sale nelle nostre auto sa che ha a che fare con professionisti che si sottopongono a visite periodiche. La liberalizzazione significa rischio anche per i passeggeri”.

I viaggiatori, una volta che constatano l’impossibilità di salire sul mezzo, chiedono informazioni. E poi si arrangiano con il treno che li porta in piazza Matteotti. Ma spesso con figli e valigie è una sfacchinata, soprattutto se la destinazione finale non è Cagliari centro. Raduno dei taxi non solo all’aeroporto, ma anche in piazza Giovanni XXIII. La protesta si è poi spostata in città.

Una sessantina di auto bianche si è piazzata davanti al Consiglio regionale della Sardegna, in via Roma a Cagliari. Bloccata la viabilità in direzione Largo Carlo Felice, mentre, dopo il passaggio del corteo dall’aeroporto, ora il traffico è senza intoppi in direzione viale Diaz. Clacson e trombette hanno fatto da colonna sonora al serpentone di auto in marcia verso via Roma.

Una delegazione di manifestanti è stata ricevuta nel palazzo del Consiglio regionale per un appuntamento con il presidente dell’assemblea sarda Michele Pais. Tema dell’incontro la liberalizzazione delle licenze e della professione che, secondo i tassisti, rischia di tagliare fuori dal lavoro 620 autisti.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
11
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
11
Share