Sanità, sindacati diffidano l’azienda Ats: “Rispetti accordi o scatta l’agitazione”

Cgil, Cisl e Uil diffidano l’Azienda tuela salute della Sardegna “per i gravi ritardi nella mancata applicazione di accordi sottoscritti da mesi che stanno causando forti malumori e destabilizzando il personale del comparto sanitario”. I segretari regionali Roberta Gessa (Fp-Cgil), Massimo Cinus (Cisl-Fp) e Fulvia Murru (Uil-Fpl) contestano all’azienda sanitaria regionale sette mancanze: “Avvio della mobilità interna, incremento indennità notturna come da accordi sottoscritti, sistemazione dei crediti orari nei cartellini del personale, applicazione della delibera sulle progressioni economiche orizzontali, attivazione del tavolo tecnico-politico sugli incarichi funzionali di organizzazione e professionali, attivazione del pagamento delle festività infrasettimali, rispetto del pagamento dell’indennità di turno e rispetto dell’accordo di liquidazione produttività 2017”. I sindacati lanciano un ultimatum all’Ats, dando dieci giorni di tempo per una risposta annunciando in alternativa “lo stato di agitazione di tutto il personale del comparto”.

Total
86
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
86
Share