Sanità, riapre il pronto soccorso del Santissima Trinità a Cagliari

“Il pronto soccorso del Santissima Trinità riaprirà il 6 giugno. Lo chiedevamo da tempo, in particolar modo dopo la finta inaugurazione dello scorso Natale”. L’annuncio arriva dal capogruppo dei Progressisti in Consiglio regionale, Francesco Agus, che conferma la notizia all’Ansa, mentre dall’ospedale cagliaritano si è ancora in attesa dell’ultima parola che dovrà arrivare dal direttore generale della Asl.

“Brotzu e Policlinico sono allo stremo ormai da mesi – osserva ancora Agus -.Solo la riapertura del terzo pronto soccorso della città metropolitana può consentire il ripristino delle normali condizioni di cura in tutti gli ospedali”. Il Santissima Trinità, in questi due anni di pandemia, è stato, infatti, trasformato in un ospedale Covid e anche il pronto soccorso è stato chiuso ad altre patologie, smistate negli altri due servizi di emergenza-urgenza del territorio. Alla vigilia del Natale scorso, erano stati conclusi i lavori di ristrutturazione di una parte consistente del pronto soccorso che però era rimasto aperto solo per i positivi.

Secondo quanto appreso dall’Ansa, il pronto soccorsoavrà comunque a disposizione a disposizione sei posti letto Covid. Oltre a questi rimarranno nel nosocomio – secondo una riorganizzazione che è stata definita nei giorni scorsi anche dopo le indicazioni sugli accessi nelle strutture ospedaliere date da una recente delibera dell’assessorato regionale alla Sanità – 45 posti letto dedicati ai positivi: 20 in chirurgia, 20 in pneumologia e 5 in cardiologia. Se ci dovesse essere un aumento di pazienti Covid da ospedalizzare il Santissima Trinità potrà contare sull’ospedale Binaghi che, almeno in questo primo periodo di cessata emergenza, dovrebbe mantenere l’attuale strutturazione.

Secondo le prescrizioni date dall’assessorato “il personale a contatto con soggetti con elevato livello di compromissione del sistema immunitario o in servizio nei centri dialisi deve essere sottoposto al test antigenico per la ricerca del virus Sars-Cov-2 ogni quindici giorni”. Per quanto riguarda gli accessi ai pronto soccorso, invece, i pazienti dovranno essere sottoposti a un test antigenico all’ingresso, prevedendo aree isolate per i pazienti che presentano test positivo. In caso di successivo ricovero, se il test antigenico è negativo, per l’accesso alle prestazioni non vi è la necessità di eseguire test molecolare; con test positivo: “accesso in area Covid anche senza esito di test molecolare”. Resta sempre, per il medico, la possibilità “di un ulteriore approfondimento diagnostico”, quindi anche il test molecolare, “previa adeguata formale motivazione”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
13
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
13
Share