Ruba barchino lasciato dai migranti, 64enne denunciato per ricettazione

Mentre polizia e carabinieri bloccavano i migranti, appena sbarcati sulla spiaggia di Porto Pino, nel Comune di Sant’Anna Arresi, lui ha pensato di rubare il barchino usato dagli stranieri, ma è stato scoperto. Un 64enne originario di Cosenza, ma residente a Sant’Anna Arresi, è stato denunciato dai carabinieri di Teulada per ricettazione. L’episodio è avvenuto ieri. Polizia e carabinieri avevano appena bloccato gli otto algerini arrivati in Sardegna e stavano procedendo con le varie operazioni, prima di trasferirli nel centro di accoglienza di Monastir.

I militari dell’Arma, affidati i migranti agli agenti del commissariato, hanno proseguito i controlli per verificare la presenza di altri migranti nella zona. Durante queste fasi hanno notato il 64enne che saliva a bordo del barchino abbandonato dai migranti, lo metteva in moto e fuggiva. I militari sono riusciti a bloccarlo e a denunciarlo.

Sulla spiaggia di Porto Pino oggi c’è stato un altro sbarco di migranti arrivati dall’Africa del Nord. Un barchino con a bordo sette algerini e due libici – almeno in base alle dichiarazioni rilasciate loro alle forze dell’ordine – è approdato nelle prime ore del mattino sulla spiaggia. I migranti sono stati bloccati da Guardia di finanza e Polizia e sono stati accompagnati al centro di prima accoglienza di Monastir. La Questura di Cagliari ed in particolare l’Ufficio Immigrazione, con la collaborazione del personale del Gabinetto regionale di Polizia scientifica, sta svolgendo tutti i necessari accertamenti attraverso la consultazione delle banche dati interforze e i riscontri per l’identificazione e la successiva verifica della posizione degli stranieri sul territorio nazionale.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
53
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
53
Share