Roghi in Gallura e Ogliastra, evacuate case. Convocato comitato operativo

Una giornata da dimenticare, quella di oggi per gli incendi. Colpita soprattutto la Gallura, ad Alà dei Sardi e San Teodoro, dove due roghi stanno devastando il territorio e hanno obbligato la protezione civile a evacuare intere frazioni e Ogliastra, ad Arzana dove sono state evacuate abitazioni e una casa di cura per malati psichici.

Di fronte ai diversi roghi che stanno mettendo a dura prova la macchina antincendio in Sardegna, l’assessora della Difesa dell’Ambiente, Donatella Spano, ha convocato con urgenza il Comitato operativo regionale, organismo previsto dal Piano per la lotta al fuoco con il compito strategico di coordinare le attività in situazioni di emergenza. Dalla sala operativa regionale della Protezione civile, l’assessora segue gli interventi delle squadre insieme al direttore generale della Protezione civile, Graziano Nudda, al comandante del Corpo Forestale, Gavino Diana, al direttore del Corpo dei Vigili del fuoco, Massimiliano Gaddini.

Il forte vento di maestrale sta rendendo difficoltose le operazioni di spegnimento. In particolare Alà dei Sardi la situazione si è complicata tanto che, in un primo momento, si è parlato anche di incendio incontrollabile. La raffiche di maestrale, il caldo e le difficoltà di agire in una zona impervia stanno rendendo gli interventi difficili e rischiosi per tutte le forze in campo.

Sul posto stanno operando da ore squadre dei vigili del fuoco di Sassari, Ozieri e Olbia. Purtroppo nel tardo pomeriggio le fiamme si sono estese a raggera rendendo meno incisiva l’efficacia dei lanci d’acqua da parte dei Canadair e degli elicotteri. Il fuoco si muove verso Padru e le sue frazioni, mandando in fumo ettari di pregiati boschi, patrimonio di ingente valore naturalistico.

“La situazione è molto difficile – conferma Graziano Nudda, capo della Protezione civile regionale – a causa del forte vento che soffia alla velocità di 20 nodi e che non accenna a placarsi. Ha operato anche il Super Puma, il mezzo aereo capace di scaricare 4500 litri di acqua ad ogni lancio”. Gli altri mezzi sono stati dirottati sull’incendio di Berruiles, nella zona turistica di San Teodoro attualmente popolata da circa 80 mila persone. Qui sono state evacuate circa un centinaio di persone nelle frazioni di Ludduì, Birgalavò e Berruiles. Con il calare del sole i mezzi aerei dovranno fermarsi e l’emergenza non cesserà perchè, secondo le previsioni, il vento non diminuirà la sua forza e domani sarà una nuova giornata di bollino rosso per la Gallura.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share