Rifiuti radioattivi, sigilli al deposito Syndial di Porto Torres

Apposti stamani, in tarda mattinata, i sigilli su un deposito di 4 ettari di rifiuti radioattivi di proprietà della Syndial (Eni) all’interno dell’area industriale di Porto Torres. Nel deposito sequestrato dal Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri – una discarica a cielo aperto nel cuore del Petrolchimico utilizzata tra il 1973 e il 1990 – venivano custoditi i rifiuti della vecchia lavorazione dei fertilizzanti al fosforo: si tratta di materiali radioattivi, classificati dalla normativa come materiale Tenorm, Technologically-Enhanced, Naturally-Occurring Radioactive Materials vista la presenza di radionuclidi come Torio 232 e Uranio 235-238. L’ipotesi di reato contestata dagli inquirenti è disastro ambientale, imbrattamento dei suoli e discarica abusiva. Le indagini, ancora in corso, sono coordinate dal pm Mario Leo con la supervisione del procuratore capo facente funzioni, Paolo Piras.

Piero Loi

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share