Pula, criceti nella pentolaccia. Orrore e lacrime tra genitori e bimbi

Uno è morto, l’altro è riuscito a scappare. È finita con l’effetto sorpresa, non certo quello desiderato, la tradizionale pentolaccia di Carnevale organizzata dalla parrocchia di Pula, nel Cagliaritano. Tra dolciumi e caramelle i promotori hanno messo anche due criceti. La notizia si legge nelle pagine locali de L’Unione sarda. Peccato che a suon di bastonate uno sia morto, e l’altro, seppur stordito, è fuggito. I bimbi sono scoppiati in lacrime e i genitori hanno protestato con energia, nonché informato dell’accaduto la Lav, Lega antivivisezione. Da qui lo scaricabarile collettivo, difficile trovare chi abbia avuto l’originale idea. Il Comune ha preso le distanze con una nota stampa del sindaco Carla Madau, il parroco ha scritto delle scuse pubblicate sulla sua pagina Facebook. Gli organizzatori ammettono l’errore, pensavano che i piccoli animali sarebbero stati adottati da qualche bimbo. Sopravvivenza permettendo.

L’estraneità e le scuse. Il primo cittadino ha ribadito l’estraneità totale dell’amministrazione, nonché la contrarietà alla bizzarra scelta e ha comunque chiesto “scusa a coloro che hanno vissuto questo piccolo dramma, soprattutto ai bambini”. E ancora: “Mi dispiace che questo fatto abbia funestato un giornata ben riuscita e molto partecipata all’insegna della collaborazione tra tutte le associazioni”. Poi, l’impegno: “Noi abbiamo rispetto della natura, dell’ambiente e tanto più degli animali, certamente episodi del genere non si verificheranno più, ribadisco e difendo ancora una volta la totale estraneità dell’amministrazione e del parroco”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share