Presunti abusi edilizi, respinta richiesta di dissequestro della casa di Peru (Fi)

Il tribunale del riesame di Sassari ha respinto la richiesta di dissequestro della casa del vicepresidente del consiglio regionale, Antonello Peru (Fi). Il provvedimento, contro il quale si erano opposti gli avvocati difensori Marcello Bazzoni, Luigi Esposito e Marco Enrico, risale all’inizio di agosto ed era arrivato al termine delle indagini che vedono il consigliere regionale indagato per abuso d’ufficio e abuso edilizio in concorso con Maurizio Loriga, Marco Delrio, Enrico Cabras, Alessandra Piras e Angelo Antonio Dedola. Dieci giorni fa lo stesso tribunale del riesame aveva accolto la richiesta di revoca del divieto di dimora a Sorso per quattro mesi emesso nei confronti del politico sorsese e aveva dichiarato l’inammissibilità dell’appello proposto dal sostituto procuratore Carlo Scalas, titolare delle indagini, secondo il quale le misure coercitive e interdittive nei confronti degli indagati sarebbero state insufficienti. Per l’accusa i reati sarebbero stati commessi nel corso dei lavori di ristrutturazione della casa di Marritza dove l’esponente di Forza Italia risiede da poco tempo.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share