Presunti abusi edilizi all’hotel Romazzino, Fiordalisi: “No al dissequestro”

Una serie di nuovi abusi edilizi, che dovranno essere verificati il 15 ottobre durante un’ispezione programmato della Procura di Tempio Pausania, ha portato il procuratore Domenico Fiordalisi a chiedere al Tribunale del Riesame di non dissequestrare le sei suite dell’hotel Romazzino, a cui sono stati posti i sigilli agli inizi di settembre per il reato di abuso edilizio. Questa sera i giudici del riesame di Tempio hanno affrontato la richiesta di dissequestro presentato dai legali della Sardegna Resorts, la società che cura gli interessi immobiliari del Qatar in Costa Smeralda. L’indagine sui presunti abusi edilizi commessi al Romazzino vede indagati l’ex responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Arzachena Antonello Matiz, l’ingegnere Tonino Fadda, il fratello Raimondo e due manager della Sardegna Resorts, Alexandra Dubrova e Mariano Pasqualone. Per la Procura gallurese, al Romazzino negli ultimi anni sarebbero stati commessi diversi abusi edilizi, che renderebbero nulla la richiesta di ampliamento basata anche sulle volumetrie realizzate, secondo gli inquirenti, abusivamente, che pertanto renderebbero illegittima la richiesta di ampliamento che ha portato alla realizzazione delle sei suite sottoposte a sequestro probatorio. Si tratta di 15 stanze realizzate abusivamente, di un barbecue costruito su area demaniale, ma anche di aree fitness e passerelle in calcestruzzo non regolarmente autorizzate. La Procura starebbe inoltre verificando la scomparsa di alcune planimetrie e cartine da un ufficio comunale. Il tribunale del riesame, presieduto dal giudice Gemma Cucca, dovrebbe esprimersi nei prossimi giorni.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share