Parco Geominerario, è stallo. Si dimette il presidente

Parco Geominerario della Sardegna senza guida: il presidente Tarcisio Agus si è dimesso con una lettera inviata al ministero della Transizione ecologica e alla Regione. E, per conoscenza, anche alla Procura generale della Corte dei conti. In realtà a luglio era arrivata una comunicazione dell’avvio del procedimento di revoca degli organi direttivi. Ma – spiega lo stesso Agus – a distanza di tre mesi nulla è avvenuto. “Eppure – scrive il presidente dimissionario – dal susseguirsi degli atti e dal loro tenore, ero convinto che il ministero, d’intesa con la regione Sardegna, avesse già individuato il commissario ad acta. A ben vedere l’unico risultato conseguito con la procedura di revoca è stato quello di aggravare la situazione, paralizzando del tutto l’attività del Parco privato de facto dei suoi organi decisionali”.

Il Consiglio direttivo, dopo le dimissioni di alcuni componenti a seguito della procedura di revoca, non ha i numeri – spiega Agus – statutariamente previsti per riunirsi validamente. Anche il presidente può fare ben poco. “Vige ancora l’insensibilità e la disattenzione verso un ente statale a cui si è dato un carico di competenze e responsabilità senza un adeguato supporto. Ormai da vent’anni svolge solo ed esclusivamente funzioni di promozione dei siti accessibili e con gestioni comunali, nonché iniziative di carattere sportivo e culturale. Per poter spendere l’avanzo di amministrazione il Parco è costretto a chiedere i beni ex minerari in comodato d’uso per almeno 30 anni alla Regione o ai Comuni, perché non dispone di beni propri. In questa situazione è anche difficile attuare una vera e propria programmazione perché soggetta al nulla osta di altri Enti nonché alle interferenze degli 86 comuni, propensi a non cedere potere al Parco sui propri beni, ma inclini a vederlo come potenziale erogatore di risorse economiche”. Ultimo atto oggi con la riunione del comitato scientifico. E, da domani, scattano le dimissioni.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
70
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
70
Share