Otto lavoratori in nero e 25 sottopagati: maxi multa a un commerciante cinese

Trentatré dipendenti, di otto completamente in nero tra sette italiani e un pakistano; gli altri venticinque erano assunti con un contratto part-time di 24 ore settimanali ma come tutti ne facevano 54 e la differenza era pagata in contanti con retribuzioni molto inferiori ai minimi salariali previsti dai contratti collettivi nazionali del commercio.

La somma di illeciti è stata scoperta a Oristano dall’Ispettorato del lavoro dopo una segnalazione che ha fatto scattare i controlli in una grossa rivendita di articoli per il fai da te. Le indagini sono durate mesi e si sono concluse con la notifica di una sanzione amministrativa da 38mila euro al titolare dell’attività, un commerciante di nazionalità cinese. Il quale dovrà anche versare all‘Inps 128mila euro di contributi evasi. All’uomo, di cui non è stata resa nota l’identità, è stata anche contestata la violazione delle norme che impongono ai datori di lavoro la tracciabilità dei pagamenti a favore dei propri dipendenti nonché l’installazione nei locali di vendita e nei magazzini di  telecamere per il controllo. Quest’ultimo è un reato perseguibile penalmente.

Total
15
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
15
Share