Ottana, protesta su ciminiera: scendono due operai, salgono due colleghe

Colpo di scena sulla ciminiera di Ottana dove da quattro giorni protestavano a 180 metri di altezza due operai di Ottana Energia: questa mattina i due lavoratori, Cristian Piras e Giacomo Cabras, sono scesi stremati dal freddo e dalla fatica e sono stati sostituiti da due colleghe, Valentina Salvai e Francesca Forma, che hanno iniziato la salita alle 9,30. I quattro si sono incontrati al primo anello della ciminiera dove si sono abbracciati. I lavoratori protestano contro la chiusura di Ottana Energia dopo la mancata proroga del regime di essenzialità da parte di Terna.  Oggi per i dipendenti dell’azienda scatta la Cig e le due donne cercano di scongiurarla salendo sulla ciminiera per dare il cambio agli altri due colleghi che sono scesi dopo quattro giorni.

“Non si può fermare un’azienda con il bilancio in attivo e penalizzare la stabilità del sistema elettrico sardo – spiega all’Ansa Valentina Salvai, di 39 anni, di Orani, due figli di 5 e 8 anni, di Ottana Energia -. Qui c’è il progetto di desertificare Ottana, l’unica fiammella accesa nel centro Sardegna: chiudiamo noi, chiuderanno i dipendenti dell’indotto e le altre fabbriche a cui forniamo elettricità, vapore e acqua; in più la bolletta per tutti i sardi sarà più salata. Io non ci sto più alle imposizioni dall’alto, voglio lavorare, non ricevere ammortizzatori sociali. Lo devo ai miei figli e al loro futuro. Questa mattina uscendo da casa ho spiegato loro che la mamma deve diventare un ‘eroe’ per qualche giorno per salvare il posto di lavoro e quindi salvare anche loro”.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share