Oristano, donna muore in Rianimazione: fegato e reni salveranno tre persone

Nella notte scorsa all’ospedale San Martino di Oristano è stato effettuato un prelievo d’organi su una paziente oristanese, deceduta a causa di un’emorragia cerebrale nella Rianimazione del presidio. Sono stati prelevati fegato e reni che sono stati destinati a tre persone in attesa di trapianto in Sardegna e in Piemonte.

Marco Obinu, coordinatore locale per i trapianti d’organo, acquisita la volontà dei familiari della donna, in collaborazione con la direzione sanitaria dell’ospedale oristanese e sotto il coordinamento del Centro Regionale Trapianti (Crt), si è immediatamente attivato per avviare l’iter del prelievo, che è stato eseguito dai professionisti del Brotzu di Cagliari in collaborazione con quelli del San Martino.

La donatrice aveva espresso già negli anni Ottanta la volontà di donare gli organi nel caso in cui se ne fossero verificate le condizioni, per cui quando ne è stata accertata la morte encefalica i suoi familiari hanno richiesto che fosse rispettata la sua volontà.

Da parte del Coordinamento locale del Crt e della Assl di Oristano va “un profondo ringraziamento alla famiglia della donatrice, che pur davanti al lutto e al dolore della perdita, ha espresso una posizione di alto spessore morale, salvando grazie a questa scelta la vita di tre persone. Un grande plauso va anche a tutti gli operatori sanitari coinvolti che, con spirito di abnegazione e sacrificio, hanno lavorato per tutto il giorno e la notte per rendere possibile questo risultato. Per effettuare il prelievo è infatti stato necessario allestire una seconda equipe operatoria, attiva accanto a quella destinata alle altre emergenze: il personale coinvolto, pur non essendo in turno, è rientrato al lavoro per consentire la riuscita dell’intervento”.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Загрузка...
Related Posts
Total
1
Share