“No al taglio dei ficus in viale Trieste”, monta la protesta a Cagliari

Nuova viale Trieste senza ficus e con i peri cinesi: rivoluzione della strada di collegamento tra centro e Sant’Avendrace nel mirino dell’opposizione. “La sostituzione dei 233 alberi con piante diverse e più piccole rischia di avere un pesante impatto sulla salute dei cagliaritani e la qualità dell’aria“. È uno dei passaggi dell’interrogazione che Francesca Mulas (Progressisti) ha inviato alla presidenza del Consiglio comunale insieme ai colleghi e del centrosinistra di Cagliari Francesca Ghirra, Giulia Andreozzi, Marco Benucci, Rita Polo, Marzia Cilloccu, Fabrizio Marcello e Matteo Lecis Cocco-Ortu. “Si tratta di un progetto da 12 milioni di euro che prevede importanti e attesi interventi sulla viabilità, sull’illuminazione, le piste ciclabili e i sottoservizi – sottolinea Mulas – la nota dolente di queste azioni riguarda il verde del viale: si parla della sostituzione di tutti i 233 ficus microcarpa con peri cinesi e ficus più giovani e piccoli. È un’operazione di cui non si capisce il senso: solo otto ficus su 233 presentano una elevata propensione al cedimento, mentre per gli altri 225 si suggeriscono interventi di messa in sicurezza e monitoraggio continuo. Perché dunque si è scelto di sostituirli tutti?”.

La sostituzione? “Incomprensibile, poi, la scelta di rimpiazzare metà dei ficus con Pyrus Chanticleer, alberi dalla vita breve caratterizzati da odore sgradevole, chioma ristretta e bassa capacità di assorbire CO2, esattamente l’opposto dei nostri ficus”. Proprio nei giorni scorsi è stata promossa una petizione (https://www.change.org/salviamoificusdivialetriesteacagliari) del Gruppo d’intervento giuridico che chiede al sindaco “che venga salvaguardata e tutelata l’attuale via alberata rappresentata dal viale Trieste, con i suoi esemplari ormai secolari di Ficus microcarpa, patrimonio ambientale e storico-culturale cittadino, vincolando qualsiasi progetto di riqualificazione viaria al mantenimento della presente alberatura, garanzia anche sul piano della salute pubblica per la città”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
14
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
14
Share