“No al mega parco eolico”, a Bitti mobilitazione contro il progetto Siemens

“Bitti si oppone al progetto di un mega parco eolico che la società Siemens Gamesa intenderebbe far nascere su un bellissimo altopiano ricco di aziende agro pastorali e di storia agricola e sociale”. Lo scrive in una nota Sebastiano Delai in rappresentanza del comitato ‘Santu Matzeu’, in relazione al parco eolico ‘Gomoretta’. “Questo comitato – si legge nel documento – non è contrario alle energie rinnovabili, purché pensate e ubicate nei siti in grado di ospitarle senza arrecare danni ambientali, paesaggistici ed economici. Opponiamo un fermo NO alla proposta attuale, in linea con il dissenso popolare. Vogliamo rappresentare tutti coloro che non sono disponibili a subire imposizioni dall’alto, atte ad arricchire le multinazionali e a impoverire le nostre terre, i nostri paesaggi, il nostro ambiente. Come azione tangibile della nostra protesta, abbiamo attivato un tavolo di raccolta firme che sarà attivo fino a sabato nel saloncino parrocchiale del vecchio asilo dalle ore 18″.

“Quale contributo finale alla prima parte della nostra azione di lotta – scrive Delai – organizziamo per sabato 17 marzo (QUI la locandina)  un’assemblea pubblica nel salone parrocchiale con inizio alle ore 18.30, nella quale diversi esperti illustreranno le ragioni di un deciso NO a questo ennesimo progetto che sa molto di ‘nuova colonizzazione’ alla quale ci opporremo con ogni mezzo civile possibile. Sempre sabato, ma in mattinata, i tecnici che interverranno all’assemblea serale, incontreranno a scuola gli alunni del Liceo Scientifico per spiegare loro i motivi dell’opposizione al progetto eolico ‘Gomoretta'”.

All’assemblea parteciperanno Mauro Pili (Unidos), Mauro Gargiulo (Italia Nostra Sardegna), Bachisio Bandinu (antropologo), Ignazio Camarda (botanico), Nando Buffoni (economista), Sandro Roggio (urbanista) e Giuseppe Bandinu (magistrato).

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share