Nel frigo di casa un cervo abbattuto di recente e fatto a pezzi: arrestato bracconiere

Aveva nel frigorifero di casa i resti di un cervo, abbattuto di recente, e in freezer pezzi di cinghiale. Per questo un uomo residente nel Medio Campidano – ma di cui non sono state diffuse le generalità – è stato arrestato con l’accusa di abbattimento di specie particolarmente protetta.

Il Nucleo investigativo del Corpo forestale ha fatto scattare la perquisizione nell’ambito di un servizio attivato proprio contro la caccia di frodo. L’uomo finito in manette era solito andare in una quella zona del Medio Campidano molto ricca di fauna e compresa tra il Monte Linas, l’Arburese e l’oasi di Scivu. Ma siccome era stato visto un numero eccessivo di volte, di qui il sospetto che non tutto fosse regolare.

E infatti nel frigo di casa i forestali hanno trovato le prove dell’accusa. Il cervo fatto a pezzi era stato suddiviso in vari pacchi. Ma nell’abitazione dell’uomo le squadre del Nucleo investigativo hanno trovato pure due fucili, risultati rubati, e 600 grammi di cannabis, ciò che all’arrestato è valsa anche l’accusa di ricettazione, detenzione e spaccio di di sostanze stupefacenti e porto e detenzione illegale di armi. Sequestrate anche diverse munizioni.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
56
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
56
Share