Moria di ricci a Tavolara e nel Sinis. Analisi al via, probabile causa batterica

Moria di ricci in due aree marine protette della Sardegna: a Tavolara-Capo Coda Cavallo in Gallura e nel Sinis, in provincia di Oristano. Saranno le analisi a stabilire le cause, ma l’ipotesi più probabile è che la moria sia legata alla presenza di un batterio.

Fenomeni di questo tipo non sono rari: l’anno scorso a morire furono centinaia di esemplari di nacchere, dapprima lungo le coste spagnole e poi in Sardegna, sempre in Gallura. Dall’area marina di Tavolara-Capo Coda Cavallo, il direttore Augusto Navone, contattato dal nostro giornale, si limita a confermare i fatti. E chiarisce: “Con l’università di Sassari stiamo individuando gli interlocutori più adatti per svolgere le analisi. Ma al momento non ci sono elementi sufficienti nemmeno per ipotizzare le cause”.

Sono stati i pescatori a segnalare la moria di ricci sia in Gallura che nel Sinis. L’elemento che sorprende è la distanza geografica tra le due zone, visto che nel primo caso la costa interessata è quel nord-orientale, mentre nel secondo quella centro-occidentale. E questo aspetto, per certi versi, rende ancora più preoccupante il fenomeno. Anche in considerazione del fatto che la pesca indiscriminata dei ricci sta portando a un rischio estinzione.

Nelle acque della Gallura la mortalità delle nacchere è arrivata al 96 per cento, rendendo la specie marina ormai rara. La paura è che coi ricci possa succedere la stessa cosa. Il che equivarrebbe a un nuovo pezzetto di ecosistema compromesso.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
134
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
134
Share