Medici e infermieri senza protezioni, aperta un’inchiesta anche a Cagliari

La Procura di Cagliari ha aperto un’inchiesta sui contagi avvenuti negli ospedali del capoluogo, analogamente a quanto fatto a Sassari e a Nuoro. Tutto è partito da un esposto del sindacato dei medici Anaao-Assomed, trasmesso all’Ispettorato del lavoro, in cui si denuncia la forte carenza di dispositivi di protezione individuale contro il coronavirus – mascherine, guanti e tute – per medici e infermieri in sevizio negli ospedali cagliaritani.

La procuratrice Maria Alessandra Pelagatti ha incaricato l’aggiunto Paolo De Angelis di valutare il contenuto dell’esposto. Al momento non esiste una delega assegnata per le indagini, né un’ipotesi di reato o indagati. Sull’epidemia da Covid-19 stanno arrivando nelle varie Procure isolane numerosi esposti, firmati ma anche anonimi, legati da una parte alla carenza di Dpi (dispositivi di protezione individuale) per il personale sanitario e dall’altra altre denunce per violazione delle prescrizioni contro la diffusione del contagio.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
253
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
253
Share