Le tartarughe Genoveffa e Gavino tornano in mare. Festa per la liberazione

Sono tornate libere dopo dieci anni Genoveffa e Gavino le due tartarughe Caretta caretta sequestrate nel 2011 in un acquario di Alghero. La liberazione è avvenuta questa mattina, nella spiaggia di San Giovanni di Sinis, a pochi chilometri dal Cres, il Centro di recupero, in cui in questi anni le due tartarughe sono state curate e accudite.

Le due Caretta caretta erano state sequestrate dal Corpo forestale a marzo del 2011 perché erano detenute in maniera non idonea, malnutrite e maltrattate, e rischiavano di morire. Le tartarughe furono da subito affidate all’Area Marina protetta del Sinis e di conseguenza agli specialisti del Cnr e del Cres che fino a questa mattina si sono presi cura di loro.

Genoveffa e Gavino sono state dotate entrambe di Gps che ne consente il tracciamento satellitare così da monitorare il viaggio nel tempo e in sicurezza. Insieme alle due Caretta caretta rimaste in cattività dieci anni, sono state liberate oggi anche Elettra e Azzurra, altre due tartarughe marine soccorse nei mesi scorsi nell’area di Villasimius. Presenti questa mattina insieme agli specialisti del Cres, i sindaci di Cabras, di Arborea e Villasimius, il Prefetto di Oristano, i direttori delle aree marine protette del Sinis, di Villasimius e di Capo Caccia.

La liberazione, previo nulla osta del Ministero della Transizione Ecologica, è stata seguita passo passo dai Carabinieri Forestali del Nucleo Cites, dagli uomini del Corpo forestale e della Capitaneria di porto di Oristano. Anche Elettra e Azzurra sono state dotate di Gps. Il confronto tra i dati recuperati dalle quattro tartarughe serviranno agli studiosi del Cres-Cnr per analizzare il comportamento di animali che erano in cattività per diversi anni, con altri esemplari rimasti meno tempo lontano dal mare.

Le tartarughe caretta caretta riprendono il mare

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share