La Befana di “Sos Sardegna” porta carbone alla Giunta Pigliaru

La Befana passa anche sotto la Regione in viale Trento. Ma la calza è piena di carbone. Il “dono” dell’Epifania arriva da Sos Sardegna: nel mirino il progetto del gassificatore a Giorgino. E la nuova centrale a carbone di Portoscuso. “Sono problemi – accusa l’associazione – che la giunta Pigliaru non ha saputo né voluto risolvere nell’interesse del popolo sardo”. La “vecchina” con la scopa, il cappello e il naso lungo è spuntata sotto i portici intorno alle 11.

“Carbone – questo il messaggio recapitato – carbone sporco, duro e amaro come la delusione è l’inganno che noi sardi abbiamo subito e che continueremo a subire se non esprimiamo il nostro dissenso”. Ma la questione energetica è solo uno dei punti contestati all’esecutivo. L’elenco è stato illustrato in un manifesto scritto con il pennarello e in una conferenza stampa. Nel mirino ci sono anche la sanità pubblica “frantumata”, la rete ferroviaria “da anteguerra e che non copre l’intera regione”. E della continuità territoriale con le isole minori. “Per non parlare – accusa l’associazione – dei veleni che siamo costretti a respirare per mancanza di controlli sicuri”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share