Incendio a Marrubiu, la conta dei danni. Coldiretti: “Numerosi vitigni andati in fumo”

La Coldiretti di Oristano ha avviato la conta dei danni provocati dal vasto incendio di sabato 25 che ha ferito le campagne di buona parte della provincia. “Stiamo monitorando le singole situazioni”, annunciano il presidente e direttore, Giovanni Murru ed Emanuele Spanò. Le fiamme, favorite da un forte vento, hanno compromesso oltre ai pascoli anche decine di ettari di superfici vitate.

A Marrubiu, segnala l’organizzazione di categoria, la cooperativa Terre di ossidiana ha visto andare in fumo circa 5 ettari tra Vermentino, Cannonau e Moscato, le cui uve erano in fase di maturazione. Stessa sorte è toccata alla cooperativa Gesuina Onnis che ha perso circa 5 ettari di Cannonau. Sempre a Marrubiu, località Sa Matta Manna, l’incendio ha devastato una trentina di alveari e parecchie famiglie di api dell’apicoltore Orlando Oliva e una quarantina del collega Marcello Murgia.

Centinaia le rotopresse di foraggio bruciate che sarebbero state utili come scorte per la prossima campagna, diversi gli oliveti bruciati e i capi ovini morti. I roghi hanno interessato oltre a Marrubiu anche Mogorella e Usellus , dove una ventina di aziende hanno perso tutto il pascolo, Morgongiori, Santa Giusta e Palmas Arborea. “Una situazione drammatica – denuncia Coldiretti -, spinta dal cambiamento climatico che favorisce incendi più frequenti e intensi, una situazione devastante con un 2021 che in Italia ha visto ben 150mila ettari di territorio da nord a sud del Paese inceneriti da 659 tempeste di fuoco, tra queste rimane indelebile il ricordo di quella che nel luglio 2021 ha interessato il Montiferru e la Planargia. “Passare dalla cultura dell’emergenza a quella della prevenzione è una sfida che ci riguarda tutti – commentano i vertici di Coldiretti Oristano – e che chiede ai decisori politici di orientare, con visione, le loro scelte a criteri di prevenzione”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
25
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
25
Share