Incendi nell’Isola, 2mila ettari di bosco in fumo ad Alà dei Sardi

Il rogo divampato nei giorni scorsi ad Alà dei Sardi ha mandato in fumo 2mila ettari di patrimonio boschivo compromettendo pascoli e sugherete. Lo denuncia la Coldiretti Nord Sardegna, che chiede alla Regione Sardegna di non applicare, sulle aree interessante dall’incendio, il divieto di pascolo. “Ad oggi non è stato ancora possibile verificare se vi siano stati danni alle strutture agricole e agli animali – afferma il presidente Battista Cualbu – ma fare impresa in queste condizioni sta diventando impossibile. A fine gennaio abbiamo denunciato la perdita di centinaia di ettari di sugherete a causa della straordinaria nevicata che si è abbattuta su quest’area e oggi ci troviamo costretti a fare lo stesso a causa degli incendi. Per i nostri agricoltori e allevatori – denuncia – sono momenti difficilissimi che si sommano a un periodo nefasto caratterizzato da eventi climatici straordinari, siccità, ribassi nei prezzi e ritardi dei premi comunitari”.

Il direttore provinciale dell’associazione, Ermanno Mazzetti, sottolinea che applicando il divieto di pascolo sulle aree percorse dal fuoco, “si punirebbero tutti quegli allevatori che quotidianamente custodiscono e tutelano il territorio”. Un appello arriva anche dal sindaco di Alà dei Sardi, Francesco Ledda: “Chiediamo alla Regione e all’assessorato all’Ambiente sia il finanziamento di piccoli cumuli d’acqua, per avere delle riserve sempre disponibili nella lotta contro gli incendi, sia di aiutarci economicamente nel miglioramento della viabilità rurale per consentire un rapido accesso alle aree boschive”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share