“Il sardo è un dialetto”. Campagna di boicottaggio contro l’editore Giunti

Il sardo è un dialetto” come il napoletano e il milanese. L’affermazione è contenuta in un sussidiario per le scuole elementari, “Poster, in giro tra i saperi”, pubblicato da Giunti, e non è passata inosservata. L’associazione Su Majolu ha denunciato l’errore su Facebook proponendo ai maestri e alle famiglie sarde di boicottare il volume, “in modo che le scuole non adottino questo libro o altri libri simili che riempiono la testa degli studenti di fesserie”.

Nel denunciare l’errore e nel proporre l’azione di boicottaggio nei confronti dell’editore, l’associazione spiega anche i motivi per i quali siamo di fronte a “un’evidente bugia“: “I linguisti del mondo considerano il sardo una lingua distinta dai dialetti italo-romanzi; la legge italiana riconosce il sardo come minoranza linguistica storica tutelata dalla Repubblica; è una bugia anche perché sono gli stessi sardi a riconoscerla come lingua e vogliono renderla ufficiale al pari con l’italiano”.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share