IL MUSEO VIRTUALE. La memoria del Porrajmos in rete: i documenti, le voci e le ricostruzioni

La ricostruzione e la diffusione della conoscenza del Porrajmos, la persecuzione e lo sterminio dei rom durante il Nazismo – di cui il confino in Sardegna è una piccola pagina – rientra nel recupero della memoria. E di una parte di storia le cui prove scritte, schede biografiche, documenti di transito sono in parte ancora da rintracciare. La deportazione dall’Italia di rom e sinti, nella sua imponenza, è stata tramandata soprattutto dai racconti e dalle testimonianze orali. Il lungo lavoro di ricerca e catalogazione è partita dagli anni 2000 grazie al Centro studi zingari di Roma e a diversi ricercatori. Esiste in rete un vero museo virtuale, qui il link.

La raccolta Memors è un progetto finanziato dall’Unione Europea  nell’ambito del programma EACEA che si prefigge l’obiettivo di ricostruire storia e memoria della deportazione delle popolazioni sinte e rom. Al centro del lavoro, si legge, la diversità di queste minoranze linguistiche, spesso del tutto ignorata nel dibattito pubblico. Strumenti utili per smontare stereotipi che ancora resistono.

Non solo commemorazioni. Il materiale storico si affianca all’identificazione dei quattro campi di concentramento nella penisola, alla raccolta di testimonianze video e alla realizzazione di incontri e spettacoli.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
0
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
0
Share