Golfo Aranci, sigilli alla villa di Nizzi: gip ridà le chiavi al sindaco di Olbia

Il sindaco di Olbia, Settimo Nizzi, può rientrare nella sua villa di Golfo Aranci (in Gallura), messa sotto sequestro un anno fa dal Tribunale di Tempio Pausania in seguito all’inchiesta per presunti abusi edilizi. La casa resta sotto sequestro, ma Nizzi può riutilizzare l’immobile da cui gli era stato ordinato lo sgombero all’inizio della scorsa estate. La notizia è stata anticipata dalla Nuova Sardegna e confermata all’Ansa dalla difesa. Secondo l’inchiesta della Procura nella villa di Torre Terrata sarebbero state compiute diverse violazioni urbanistiche, tra cui la trasformazione del seminterrato in locale abitabile, senza le dovute autorizzazioni.

Ora il Tribunale ha accolto la richiesta dell’avvocato Pietro Carzedda e ha restituito l’uso della villa al sindaco. L’inchiesta penale procede il suo corso: con Nizzi sono indagati per i presunti abusi edilizi l’imprenditore Luigi Guerri, il direttore del cantiere, Giovanni Antonio Spano, il progettista Giorgio Derosas, il dirigente del Comune di Golfo Aranci, Dino Puggioni, e l’architetta Sandra Deiana.

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
1
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
1
Share