Stop centrali a carbone, sit-in lavoratori. Il Consiglio approva ordine del giorno

Un folto gruppo di lavoratori di Eurallumina, Ep Fiumesanto ed Enel Sulcis è in presidio davanti al consiglio regionale della Sardegna per chiedere alla politica un’iniziativa forte sul governo nazionale perché nell’attuazione del decreto del ministero dell’Ambiente (430 del 22 novembre 2018, che prevede lo stop alle centrali a carbone entro il 2025) venga esaminata la specificità dell’Isola, attualmente senza alternative concrete per la produzione di energia elettrica.

“La mancanza del gas e della sua rete di distribuzione determina per la Sardegna una situazione di diversità infrastrutturale rispetto alle altre regioni e che non consente una transizione graduale dall’uscita dal carbone – spiegano i sindacati – Riteniamo che per la stabilità della rete sarda e per il sostegno al sistema industriale isolano non possano determinarsi decisioni non confacenti alle nostre necessità”. Per questo motivo i lavoratori e i sindacati hanno fatto capolino anche in Aula dove è attesa la mozione presentata dal Pd che sollecita un’intervento della Giunta regionale.

LEGGI ANCHE: Carbosulcis, è tempo di riconversione: innovazione e ricerca anziché carbone

Intanto il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità  un ordine del giorno, firmato da tutti i capigruppo,  che impegna il presidente della Regione e la Giunta  a intervenire urgentemente ai massimi livelli istituzionali per istituire un tavolo di confronto con il Governo nazionale per scongiurare la chiusura degli impianti sardi che utilizzano il carbone ai fini di produzione termoelettrica entro il 31 dicembre 2025.  Nel documento  si chiede anche di intraprendere tutte le iniziative per concludere l’iter autorizzativo per il progetto di riavvio degli impianti di Eurallumina, per scongiurare la chiusura delle attività produttive in tutte le aree industriali della Sardegna e per dare immediata attuazione alla Strategia Energetica nazionale approvata nel 2017.

“Siamo preoccupati e chiediamo un atto ufficiale della Regione e del Consiglio per affermare con determinazione che in Sardegna ci deve essere la sostenibilità ambientale delle industrie e che non si può cancellare tutto con un colpo di interruttore nel 2025 perché lo scenario sarebbe devastante”, osserva Antonello Pirotto della Rsu di Eurallumina. “Stiamo chiedendo un tavolo nazionale perché si parli del problema Sardegna che non è infrastrutturata come le altre regioni d’Italia – dice Francesco Garau della Filctem Cgil – Siamo favorevoli alla Strategia Energetica Nazionale (Sen) ma deve essere portata avanti una parificazione infrastrutturale con il metano, il cavo di collegamento elettrico sottomarino con la Sicilia, e il discorso dell’accumulo di energia elettrica”.

 

Diventa anche tu sostenitore di SardiniaPost.it

Care lettrici e cari lettori,
Sardinia Post è sempre stato un giornale gratuito. E lo sarà anche in futuro. Non smetteremo di raccontare quello che gli altri non dicono e non scrivono. E lo faremo sempre sette giorni su sette, nella maniera più accurata possibile. Oggi più che mai il vostro supporto è prezioso per garantire un giornalismo di qualità, di inchiesta e di denuncia. Un giornalismo libero da censure.

Total
9
Shares

Per ricevere gli aggiornamenti di Sardiniapost nella tua casella di posta inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Related Posts
Total
9
Share